fbpx

MESOTERAPIA

"La mesoterapia in campo estetico è utilizzata soprattutto per contrastare gli inestetismi della cellulite"

Tipo: Micro Iniezioni

Durata: Circa 30 min

Ciclo: SI consigliano 8/10 sedute a cadenza settimanale

Ripresa: Immediata

Che cos’è ?
    1. L’intradermoterapia (mesoterapia) è la tecnica di somministrazione di farmaci per via intradermica. I farmaci sono iniettati nel derma per mezzo di appositi aghi di 4mm di lunghezza per 0,4mm di diametro (ago di Lebel).
    2.  
    3. Tale metodica era già attuata nel 400 d.C. da Ippocrate ma viene diffusa a partire dal 1952 grazie al medico francese Michel Pistor.  Il nome (dal greco mesos = mezzo) fu coniato dallo stesso Autore con riferimento al mesoderma, il foglietto embrionale mediano che dà origine ai tessuti connettivi, all’interno del quale si proponeva di inoculare il farmaco. Questa metodica ha avuto un immediato successo e una capillare diffusione in ambito medico-estetico.
    4.  
    5. È un atto di esclusiva competenza medica, che richiede una diagnosi, una valutazione circa l’opportunità del trattamento rispetto ad altre opzioni terapeutiche, una scelta farmacologica, un controllo dei risultati, il consenso informato da parte del paziente.
    6.  
    7. I vantaggi di tale tecnica sono:
    8.  
    9. –          utilizzo di ridotte dosi di principio attivo
    10.  
    11. –          effetto prolungato (il farmaco persiste nel tessuto per 5 – 7 giorni)
    12.  
    13. –          ridotto coinvolgimento di altri organi e tessuti
    14.  
    15. –          riduzione del rischio di eventi avversi e d’effetti collaterali
    16.  
    17. “Little, seldom, at the good place” (poco, raramente e nel posto giusto)
    18.  
    19. Il meccanismo d’azione non è stato ancora completamente elucidato; la sua efficacia è stata attribuita a più fattori, spesso fantasiosi, ingenerando perplessità e confusione. Dal punto di vista scientifico, studi su modelli animali hanno confermato la capacità di un farmaco inoculato per via intradermica di permanere a lungo nel sito di inoculo, di diffondere lentamente verso i tessuti circostanti ed in misura limitata nella circolazione sistemica (effetto reservoir). In vivo collabora all’efficacia un effetto reflessogeno dovuto alla puntura stessa che stimola la liberazione locale di neuromediatori ad attività catabolica.
    20.  
    21.  
Apri Chat
Hai bisogno di informazioni?
Salve,
come possiamo aiutarti?